Questo sito usa alcuni cookie. Ti invitiamo a prendere visione dell'informativa.

Top Panel
A+ R A-

Decimo Incontro di Catechesi per Adulti

DECIMO INCONTRO CATECHESI ADULTI

“La Virtù Teologale della Fede”/8

Taiedo 22.VIII.2021

           

Dopo una lunga premessa ora iniziamo a scrutare il mistero e la profondità del Simbolo Apostolico[1]:

Io credo in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra

e in Gesù Cristo, Suo unico Figlio, nostro Signore,

il quale fu concepito da Spirito Santo, nacque da Maria Vergine,

patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto;

discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte;

salì al cielo, siede alla destra di Dio, Padre onnipotente:

di là verrà a giudicare i vivi e i morti.

Credo nello Spirito Santo,

la santa Chiesa cattolica, la Comunione dei Santi,

la remissione dei peccati,

la risurrezione della carne,

la vita eterna. Amen.

 

Gesù non è stato concepito come tutti noi, pur essendosi incarnato (cfr Gv 1, 14) e avendo voluto entrare nel mondo in modo umile, Egli è nato dallo Spirito Santo che ha “adombrato Maria” con la sua potenza di vita e di fecondità: “Le rispose l'angelo: "Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell'Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio”[2].

Maria, pur nella verginità, ha avuto la grazia della maternità. In questo risiede la potenza di Dio a cui “nulla è impossibile”[3], ma anzi allena la nostra fede alla meraviglia, tanto da esser capaci di cantare il nostro Magnificat (cfr. Lc 1,46-55) alla straordinaria potenza dell’Altissimo.

In tutto questo non possiamo e vogliamo dimenticare san Giuseppe, appartenente alla stirpe di Davide, di cui Gesù fu discendente per accreditare che davvero era il Messia, diviene il cosiddetto: “padre putativo”. Nel Credo non emerge come verità di fede, ma nella tradizione e nel culto della Chiesa Giuseppe diviene una figura fondamentale per insegnare a Gesù, che “cresceva in età, sapienza e grazia”[4], cosa significasse stare in famiglia, pregare, amare e tutto ciò che ne deriva. Giuseppe, figura umile e straordinaria, diviene anche per noi esempio di sequela come testimone di silenzio, preghiera e fiducia in Dio. La nascita di Gesù ha sconvolto il mondo perché è stata un gesto di immensa umiltà da parte di Dio che nasce nella povertà per arricchirci noi. Ecco il senso della “kenosis” cioè dello svuotamento da parte di Gesù che san Paolo descrive nell’inno ai Filippesi[5].

Tutto questo si realizza con la libera iniziativa e risposta di Maria, anche di Giuseppe che l’accoglie pur avendo pensato di ripudiarla in segreto (cfr. Mt 1, 18-25), che davanti alla proposta dell’Arcangelo Gabriele, pur con un momento di esitazione, si fida ed esprime il suo “Fiat” alla volontà di Dio. Maria diviene così mediatrice tra Dio e la creatura umana, anello di congiunzione tra l’opera di Dio e la nostra.

 


[1] Le riflessioni sono prese dal libro: R. Lupi, Credo. Commento al Simbolo degli Apostoli, 2012.

[2] Lc 1, 35.

[3] Lc 1, 37.

[4] Lc 2, 52.

[5] Fil 2, 5-11.

Calendario Eventi

Ottobre 2021
L M M G V S D
27 28 29 30 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Area Riservata

Ricordami