Pravisdomini HD
A+ R A-

OLTRE IL SI E IL NO: DIALOGO SULLA RIFORMA COSTITUZIONALE

DialogoSi sta avvicinando domenica 4 dicembre, giorno in cui andremo a votare per dire la nostra sul referendum costituzionale. Tanti sono gli argomenti che i vari media però spesso trattano velocemente e senza entrare nel merito. Per cercare di dare degli strumenti per un voto consapevole e provare a fugare alcuni dubbi, le Acli provinciali di Pordenone, assieme al Circolo di Pravisdomini, all'Agesci - gruppo scout di Villotta e all'Unità pastorale di Chions propongono una serata informativa giovedì 17 novembre alle 20.30 in sala parrocchiale a Pravisdomini.

L'evento vuole essere un'occasione di dialogo e confronto sulla riforma costituzionale con persone qualificate nel settore e con l'obiettivo di andare oltre la contrapposizione sì o no, cercando di entrare nel merito della riforma.

Interverranno:

- la dottoressa Alessia-Ottavia Cozzi, avvocato e dottore di ricerca in diritto costituzionale all'Università di Trieste,

- il professor Marco Cucchini, politologo e docente di sistemi politici europei all'Università di Udine.

A moderare il dibattito l'avvocato Dimitri Girotto, docente di diritto costituzionale all'Università di Udine.

Invitiamo tutti a partecipare perchè pensiamo che dal confronto possa nascere un'opinione consapevole. E invitiamo a diffondere l'evento a chiunque possa essere interessato.

In allegato la locandina della serata.

INAUGURATO IL NUOVO ORGANO DELLA CHIESA DI BARCO

Organo di BarcoNe è stata privata per quasi un anno, ma ora la comunità di Barco più fregiarsi di un nuovo organo. A benedire la struttura proprio nel giorno di san Martino, il patrono della parrocchia, è stato il vescovo emerito, monsignor Ovidio Poletto. In una chiesa gremita di fedeli, monsignor Poletto ha dapprima ricordato le parole del cardinale Albino Luciani, futuro papa Giovanni Paolo I: «L’organo ci aiuta a stare in armonia e i miei ricordi vanno all’epoca dell’infanzia quando, bambino in una famiglia povera, mi sentivo un principino accompagnato assieme agli amici dalle note dell’organo». Quindi lo stesso monsignor Poletto si è soffermato sulla figura del patrono san Martino, evidenziandone quattro grandi qualità che possono d’esempio anche per noi: l’essere uomo di carità e capace di condivisione, un rapporto profondo con Dio tramite la preghiera, la coerenza evangelica nei propri comportamenti e uno sforzo costante nella promozione della pace. Un contributo decisivo al rinnovo dell’organo, sul quale ha lavorato l’organaro Roberto Gri, è arrivato dalla Pro loco “Circolo Campanile” di Barco, con il segretario Renato Pernolino che ha evidenziato come il precedente, donato negli anni ’60 dalla famiglia Della Rosa, fosse ormai stonato e da cambiare. Diversi i ringraziamenti del segretario, oltre che all’organaro Roberto Gri, anche a Maurizio Siagri, organista e direttore della corale Laus Nova di Pravisdomini per i consigli, all’associazione Centriamoci per un piccolo contributo, agli stessi amministratori e collaboratori del Circolo, al vescovo Poletto per la presenza e anche a don Giacomo e don Galiano per il servizio svolto. Infine, ha preso la parola anche il sindaco Davide Andretta, che ha evidenziato la solidarietà della comunità di Barco, tracciando un paragone col patrono: «Come san Martino, anche voi avete visto che la chiesa bisognosa di un aiuto e avete dato una mano».

BENEDIZIONE E INAUGURAZIONE DEL NUOVO ORGANO A BARCO

OrganoVenerdì 11 novembre sarà una data significativa per la comunità di Barco che, nel giorno della festa del proprio patrono san Martino, benedirà e inaugurerà anche il nuovo organo a canne della chiesa parrocchiale. A celebrare l'evento ci sarà anche monsignor Ovidio Poletto, vescovo emerito della nostra Diocesi, che alle 19 presiederà la santa Messa. Sia prima della celebrazione, che dopo verranno illustrate alcune note tecniche della struttura e suonate le prime note. Infine, avrà luogo un rinfresco conviviale in sala parrocchiale.

A contribuire notevolmente al'installazione del nuovo organo è stata la Pro loco "Circolo campanile" di Barco come segno di riconoscenza a tutti coloro che hanno contribuito e partecipato a rendere le feste, le sagre e le cene pià accoglienti, puntuali e gradevoli. Grazie!

SONO DECEDUTI FRANCO CEOLIN E PETRE POPONETTE

Risultati immagini per lutto candelaTra coloro che sono passati a “nuova vita” ricordiamo FRANCO CEOLIN, deceduto in Thailandia all’età di 70 anni. Buon amico di tutti e anche collaboratore di padre Raimondo Perlini, missionario in quella nazione.

Ricordiamo anche PETRE POPONETTE, 70 anni, nonno di Francesca Plet, che frequenta la prima media nelle nostre scuole. Era venuto a trovare la nipote, alla quale vuole ancora tanto bene.

E' VENUTA A MANCARE CATERINA NADALIN, VEDOVA VALERIANI

Lutto 4Mercoledì 5 ottobre è mancata all'affetto dei suoi cari Caterina Nadalin, vedova Valeriani, di 96 anni. Ne danno il triste annuncio: il figlio Mario, la figlia Nives, i generi, la nuora, la cognata, i nipoti, la pronipote e parenti tutti.

Il Santo Rosario sarà recitato giovedì 6 ottobre alle 19.30 in chiesa a Pravisdomini.

I funerali si svolgeranno sabato 8 ottobre alle 15 nella chiesa parrocchiale di Pravisdomini ove la cara Caterina giungerà dall'ospedale civile di Oderzo. Dopo la cerimonia la salma proseguirà per il cimitero di Pravisdomini.

Un sincero ringraziamento a quanti vorranno condividere il dolore e la preghiera dei familiari.

Le comunità di Pravisdomini e Barco porgono sentite condoglianze alle famiglie Nadalin e Valeriani.

QUANDO LA TERRA DANZO'

Terremoto in Friuli 1976"20.55 la terra ha come un brivido. Poi alle 21 la seconda scossa più robusta, un sisma violentissimo. La terra trema, maledetta ballerina, sembra un mare in tempesta".

A 40 anni dal terremoto in Friuli il ricordo non si è spento, ma anzi rivive, specialmente dopo il sisma che poco più di un mese fa ha colpito Amatrice, Accumuli e Arquata del Tronto, in Centro Italia.

Grazie all'associazione culturale "Molino Rosenkranz", l'assessorato alla cultura del Comune di Pravisdomini vuole proporre, venerdì 7 ottobre alle 20.15 in sala parrocchiale a Pravisdomini, una serata e una riflessione su quei momenti. Sarà una lettura scenica a due voci con contributi video originali a cura di Roberto Pagura e Marta Riservato, mentre il montaggio è opera di Annalisa Chivilò.

“Il miracolo della vita si è rinnovato in Friuli. Più il terremoto si evidenzia in tutta la sua grande violenza, e più la febbre della vita avvolge e trascina i sopravvissuti. Qui in Friuli il tempo non si è fermato alle 21 di quel maledetto giovedì. Questo è il modo in cui i friulani onorano i caduti, senza piagnistei, senza isterismi. Sono tutti lì, sui cumuli di macerie a scavare, a raccogliere miseri resti o povere, piccole cose.”

E' SCOMPARSA ONORINA CALLEGARI, VEDOVA CAPPELLETTO

LuttoLunedì 3 ottobre, improvvisamente, è mancata all'affetto dei suoi cari Onorina "Silvana" Callegari, vedova Cappelletto di 82 anni. Addolorati la ricordano con affetto: il figlio, le figlie, la nuora, i generi, i nipoti, i pronipoti, i fratelli, le sorelle, i cognati, le cognate e i parenti tutti.

Martedì 4 ottobre alle 19.30, presso la chiesa di Barco, verrà recitato il Santo Rosario.

Il rito funebre avrà luogo mercoledì 5 ottobre, alle 15.30, nella chiesa parrocchiale di Barco, ove la cara Silvana giungerà dall'ospedale civile di Pordenone.

I familiari ringraziano di cuore e con affetto tutti coloro che si riuniranno nel dolore per la scomparsa dell'amata Silvana.

Le comunità di Barco e Pravisdomini porgono le più sentite condoglianze alle famiglie Callegari e Cappelletto.